Risolvere i conflitti sul posto di lavoro in 8 passaggi

Sommario

  1. Il conflitto sul posto di lavoro nei team è DAVVERO comune
  2. Il conflitto sul posto di lavoro costa denaro
  3. Più di un terzo dei conflitti sul posto di lavoro è causato dallo stress professionale
  4. Quali sono le cause dei conflitti sul posto di lavoro?
  5. Il tuo cervello durante il conflitto
  6. Che cos'è la gestione dei conflitti?
  7. Gestione dei conflitti sul posto di lavoro passo dopo passo
    1. In primo luogo, ha davvero bisogno di essere affrontato?
    2. Raccogli informazioni di base
    3. Determinare la natura del conflitto
    4. Considera la migliore linea d'azione
    5. Trova un luogo neutrale per le riunioni
    6. Saper mediare un conflitto
    7. Sii delicato
    8. Conoscere le strategie di risoluzione dei conflitti

Anche i team più grandi possono essere soggetti a conflitti sul posto di lavoro di tanto in tanto. Il conflitto è un effetto collaterale comune nei momenti difficili. Molti tipi di stress da lavoro possono far aumentare le tensioni, come:

  • Rispettare le scadenze
  • Gestire grandi decisioni
  • fusioni
  • acquisizioni
  • Perdita di un membro del team
  • Assumere un nuovo membro del team

Imparare la psicologia alla base del conflitto sul posto di lavoro e perché si verifica è il arma più grande puoi dover proteggere te stesso e la tua squadra quando inevitabilmente si presenta.

A buon capo dovrebbe essere in grado di individuare i segni dell'aumento della tensione e intervenire per risolvere la situazione prima che scoppi una discussione, il tutto mantenendo la calma e la fiducia. La ricerca suggerisce che la formazione sulla risoluzione dei conflitti può migliorare la produttività, il lavoro di squadra e la soddisfazione dei dipendenti.





Questo è il motivo per cui ho messo insieme un elenco di tutto ciò che devi sapere sul conflitto e sulle tecniche che puoi utilizzare per gestirlo all'interno del tuo team.

Il conflitto sul posto di lavoro nei team è DAVVERO comune

Hai problemi con la tua squadra? Non sei solo!

Gli studi suggeriscono che circa l'85% dei dipendenti ha a che fare con un certo livello di conflitto, con il 29% che riferisce di avere a che fare con conflitti su base frequente o costante.

Cercare di eliminare completamente il conflitto non ti porterà molto lontano: la soluzione è imparare a gestirlo correttamente quando si presenta.

Conflitto di solito significa che gli individui non hanno ricevuto gli strumenti di cui hanno bisogno per imparare a evitare le discussioni comunicando i disaccordi in modo più positivo.

A volte, sembra che si verifichi un conflitto attorno a un particolare membro del team: a individuo difficile che dimostra costantemente sul lavoro comportamenti che danneggiano la squadra. Questo è noto come ' personalità tossica ', ed è importante che i leader gestiscano con attenzione tali individui. Se lasciate senza intervento, le persone con personalità tossiche possono causare danni incommensurabili alla felicità e alla produttività dell'intera squadra.

É stimato che in giro Il 94% dei dipendenti ha lavorato con qualcuno con una personalità tossica durante la loro vita.

Se hai qualcuno con questo tipo di personalità nella tua squadra, è probabile che la risoluzione dei conflitti implichi più di un semplice sedersi e chiacchierare. Trattare con una personalità tossica può richiedere azioni disciplinari, riorganizzare le squadre o altre misure più estreme che non tratteremo qui.

↑ Sommario ↑

Il conflitto sul posto di lavoro costa denaro

Negli Stati Uniti, si stima che il tempo medio che un individuo trascorre ogni settimana coinvolto in un conflitto è di circa 2,8 ore.

Costi del conflitto e stimato $ 359 miliardi nel tempo perso.

Questo dovrebbe essere un enorme motivo di preoccupazione per tutte le aziende. Per fortuna, questa enorme perdita di produttività non è inevitabile. Tutto ciò che deve accadere è che i leader trovino modi in cui identificare il conflitto nel momento in cui si verifica, elaborare la causa alla radice e stroncare sul nascere prima che si aggravi.

Facile, vero? (Ok, non del tutto facile, ma certamente possibile - e ti insegnerò come leggere questo articolo.)

↑ Sommario ↑

Più di un terzo dei conflitti sul posto di lavoro è causato dallo stress professionale

Se hai scoperto che la tua squadra altrimenti pacifica è improvvisamente scoppiata in conflitto, indaga se ci sono stati cambiamenti nel loro carico di lavoro, programma o aspettative.

Si stima che il 34% dei conflitti sia causato dallo stress sul posto di lavoro.

Se riesci a ridurre questo stress sul posto di lavoro, potresti essere in grado di risolvere il conflitto alla base, piuttosto che limitarti a trattare i sintomi, che potresti scoprire che continuano a ripresentarsi se la causa sottostante è lo stress.

In situazioni in cui non sei sicuro che il conflitto sia il risultato dello stress, chiedi al tuo team. Chiedi come si sentono, se c'è qualcosa che potresti fare diversamente.

Potresti trovare una lamentela comune da parte dei diversi membri del team: una soluzione davvero semplice!

↑ Sommario ↑

Quali sono le cause dei conflitti sul posto di lavoro?

Ok, dobbiamo fare i conti con quanto sia comune il conflitto sul posto di lavoro, ma qual è la causa di questo comportamento?

Quando parliamo di questi problemi, alcuni fattori scatenanti principali è stato identificato :

  • Mancanza di comprensione
  • Conflitto d'interessi
  • Cambiamenti organizzativi
  • Mancanza di giurisdizione stabilita
  • Povera comunicazione
  • Scontri di personalità

Una volta che il conflitto è iniziato, le persone possono intenzionalmente smettere di comunicare efficacemente con altri membri del team, diffondere voci o confrontarsi in ufficio - tutti i comportamenti dannosi che potrebbero danneggiare in modo permanente la squadra .

Se questi problemi non vengono gestiti correttamente, il conflitto può intensificarsi rapidamente e diventare più difficile da controllare, a volte sfocia in bullismo o persino violenza verbale o fisica.

↑ Sommario ↑

Il tuo cervello durante il conflitto

I nostri antenati prima di noi hanno vissuto molti conflitti quando proteggevano le loro risorse (come riparo, cibo e acqua) da altri membri della nostra stessa specie e da membri di altre specie. La risposta al conflitto che abbiamo evoluto di conseguenza, proprio come le nostre altre emozioni, sono diventate parte del nostro cervello per tenerci al sicuro.

All'interno del nostro cervello, abbiamo due amigdala. Si siedono dietro i nostri occhi e funzionano in modo paragonabile a un allarme antintrusione, attivando l'allarme in risposta al pericolo. Quando rileviamo una minaccia, l'amigdala suona l'allarme e provoca il rilascio nel corpo di una cascata di diverse sostanze chimiche, tra cui adrenalina e cortisolo. Questa è la nostra risposta allo stress, nota anche come meccanismo di lotta o fuga.

Mentre difendere la nostra casa dai lupi potrebbe essere una minaccia persa da tempo per la storia dei nostri antenati, proteggere la nostra reputazione di fronte al nostro capo suscita esattamente la stessa risposta.

Ci sono molti cambiamenti fisici e inconsci nel nostro corpo che accadono mentre ci prepariamo ad affrontare il nostro nemico o a fuggire da esso come se il battito cardiaco accelerasse. Uno dei cambiamenti più profondi è nel nostro cervello.

L'attivazione dell'amigdala chiude il percorso cerebrale verso la corteccia prefrontale – la parte del tuo cervello responsabile di prendere decisioni complesse e razionali.

Quando hai appena visto un lupo in piedi davanti alla tua caverna, questo ha senso. Lascia perdere ciò che stai facendo e corri. Non c'è bisogno di un processo decisionale complesso quando sei appena diventato un piccolo spuntino preistorico - infatti, rallenterebbe solo il tempo necessario per prendere la decisione di fuggire. Ma questa risposta è meno utile nel mondo sviluppato di oggi. Se ti trovi di fronte a un conflitto in ufficio, hai bisogno che il tuo cervello lavori in modo logico.

Questo non è l'unico cambiamento che si verifica nel tuo cervello. Hai mai notato in una lite con il tuo amico che improvvisamente non riesci a ricordare nulla di buono su di loro?

È un esempio un po' estremo, ma durante il conflitto il tuo cervello diventa smemorato . Gli scienziati non sanno esattamente perché, ma sospettano che sia dovuto al blocco dei percorsi neurali nel tentativo di aiutarti a prendere una decisione più rapida o perché il tuo cervello è inondato dal messaggio: pericolo, combattilo o scappa, proprio ora.

Questi antichi meccanismi cerebrali potrebbero essere stati utili nel nostro passato, ma nel mondo moderno abbiamo bisogno di trovare modi per gestire efficacemente i conflitti e impedirci di prendere decisioni affrettate di cui potremmo pentirci in seguito.

↑ Sommario ↑

Che cos'è la gestione dei conflitti?

La gestione dei conflitti è una serie di metodi e tecniche che leader e manager (o chiunque altro) possono utilizzare per gestire i problemi che sorgono all'interno del team.

Ci sono tre cose principali da considerare quando impari a gestire i conflitti.

1. Le abilità comportamentali, cognitive ed emotive sono abilità che possono essere apprese (proprio come l'intelligenza emotiva). Alcune persone troveranno queste abilità innate – parte della loro personalità quasi dalla nascita – ma per la stragrande maggioranza di noi, abbiamo bisogno di dedicare un po' di tempo a imparare e affinare la nostra capacità di gestire i conflitti.

2. Devi essere motivato ad affrontare i conflitti – ricorda quella statistica più avanti su quanti soldi perde un'azienda a causa di un conflitto. Questa dovrebbe essere una motivazione sufficiente da sola, ma ricorda il felicità e la sicurezza della tua squadra dipende anche dal suo buon funzionamento.

3. Affrontare la situazione problematica sarà sempre meglio che ignorarla. Può essere allettante procrastinare la gestione del conflitto e considerarlo nella tua pila di compiti 'non urgenti' per la giornata, ma dovresti considerarlo come una situazione immediata da gestire. Se non lo fai - sarà solo peggio e più difficile da gestire con il tempo.

↑ Sommario ↑

Gestione dei conflitti sul posto di lavoro passo dopo passo

Quando noti che c'è un conflitto nel team, è importante iniziare a considerare se/come andrai avanti e aiuterai a risolvere la situazione. Ho compilato questa guida passo passo per rendere il processo il più fluido possibile.

In primo luogo, ha davvero bisogno di essere affrontato?

Questa decisione può essere risolta solo da te. Il rischio di affrontare il conflitto offre più ricompensa che se lo lasciassi da solo in questa occasione? In caso contrario, potrebbe valere la pena lasciarlo stare e vedere se si risolve da solo. Ciò può causare meno conflitti rispetto a se vieni coinvolto.

Ad esempio, confronta i due seguenti reclami dell'ufficio. Una pila di post-it è stata presa senza permesso dalla scrivania di un membro del team.

  • È stata inviata un'e-mail che annunciava i post-it mancanti, chiedendo se qualcuno li avesse presi e di restituirli il prima possibile.
  • È stata inviata un'e-mail che nominava un sospetto nelle note mancanti, usando un linguaggio offensivo e sminuente nei confronti di un altro membro del personale.

Mentre entrambe queste situazioni potrebbero sorgere in un conflitto molto più ampio, una è già diventata problematica e dovrebbe essere affrontata immediatamente (se non l'avessi indovinato, quest'ultima).

↑ Sommario ↑

Raccogli informazioni di base

Devi sapere tutto sulla situazione a portata di mano. Cerca di evitare disse, disse lei e trova invece le prove alla radice del problema. Ci sono prove di accuse? È stato registrato un conflitto in corso?

Tieniti aggiornato e impara tutto ciò che puoi sullo sfondo della situazione: ti aiuterà a fornire un contesto prezioso e avrai maggiori possibilità di risolvere il conflitto.

↑ Sommario ↑

Determinare la natura del conflitto

È stato suggerito da alcuni studi scientifici che se il problema è una tantum, allora solo il contenuto di quell'incidente specifico deve essere discusso. Se il conflitto è ricorrente, tuttavia, il modello di comportamento dovrebbe essere discusso con tutte le parti.

↑ Sommario ↑

Considera la migliore linea d'azione

Sulla base di queste informazioni, considera quale sarebbe il modo migliore per andare avanti. C'è una parte che ha torto in questa situazione? Entrambe le parti devono scendere a compromessi? È stato tutto solo un grande malinteso? Considera gli interessi di tutti quando decidi la migliore linea d'azione e assicurati di mantenere il tuo pregiudizio il più lontano possibile dalle tue decisioni. Prova invece a vedere la situazione da diverse angolazioni.

Inoltre, tieni presente le responsabilità legali che potresti avere come manager della tua azienda, nonché le leggi statali e federali sull'occupazione. Può diventare piuttosto complicato molto rapidamente. In caso di dubbio, contatta un membro del tuo team delle risorse umane per ricevere supporto.

↑ Sommario ↑

Trova un luogo neutrale per le riunioni

Spesso, è meglio evitare il proprio ufficio allo scopo di risolvere i conflitti: questo metterà immediatamente le persone in tensione. Considera invece una sala riunioni neutrale; da qualche parte con privacy e abbastanza tempo per discutere di tutto senza sentirsi affrettati.

↑ Sommario ↑

Saper mediare un conflitto

Puoi essere un mediatore? Ecco cosa devi tenere a mente:

  • Stabilisci le regole
  • Chiedi a tutti di ascoltare senza interruzioni
  • Incoraggia tutte le parti a mettere da parte le idee preconcette
  • Lavorare per identificare il problema e trovare una soluzione

Per andare avanti e guarire dal conflitto, tutte le parti dovranno concordare esattamente quale sia stato il problema. Ciò significa che tutti possono confrontare e discutere i propri problemi e le potenziali soluzioni.

Mentre lavori insieme su questo, usa domande aperte che non impongono il più possibile le risposte delle altre parti e scoraggia le persone dall'incolparsi a vicenda.

Una volta identificato il problema alla radice, puoi passare alle soluzioni di brainstorming.

↑ Sommario ↑

Sii delicato

È importante essere comprensivi in ​​questi incontri. Non è una situazione facile per nessuno. Frasi come ho capito che è stato difficile e altre espressioni di simpatia aiutano a stabilire un tono positivo di collaborazione.

Inoltre, assicurati di ascoltare ciò che dicono le persone e cerca di non affrontare il problema con le tue idee preconcette. Potresti pensare di sapere esattamente cosa è successo (e spero che tu abbia una buona idea della situazione), ma ascoltare entrambe le parti è indispensabile per risolvere il problema.

↑ Sommario ↑

Conoscere le strategie di risoluzione dei conflitti

Ci sono quattro strategie principali quando si tratta di risoluzione dei conflitti. Mentre leggi questo elenco, potresti notare che tendi a usarne uno o due in più degli altri, oppure potresti usare una combinazione a seconda della situazione. Questo passaggio consiste nel sapere quale strategia di risoluzione dei conflitti utilizzare in ogni scenario.

Ognuno ha diversi vantaggi e svantaggi (proprio come tecniche di leadership ), e può essere utile valutare ogni conflitto specifico che affronti prima di adottare una strategia, facendo attenzione ad applicare la tattica nella posizione migliore.

Competere

Le tattiche competitive sono solitamente utilizzate da persone che sono entrate in conflitto con l'intenzione di vincere. Di solito puoi identificare se qualcun altro (o te stesso) sta usando questa tecnica se parla o agisce in modi che suggeriscono che presumono che una parte 'vincerà' e le altre parti 'perderanno'.

Questa tecnica è limitata.

Impedisce una comprensione più sfumata del problema e non consente una comprensione del quadro più ampio.

Compromettere

La strategia di compromesso è quando entrambe le parti raggiungono una soluzione gradevole che richiede il sacrificio di alcuni dei loro desideri per il bene della pace. Un esempio di ciò potrebbe essere se qualcuno vuole lavorare completamente da casa perché i costi del pendolarismo stanno aumentando, ma il suo team ha un problema con questo perché si preoccupa dell'aspetto della comunicazione remota. Una strategia compromettente in questo caso potrebbe essere che il dipendente lavori in remoto, ma si rechi in ufficio una volta alla settimana per una riunione.

Quando sorgono situazioni che richiedono un compromesso, è importante assicurarsi che il compromesso sia equo da entrambe le parti.

Se eseguito con successo, questo può essere uno dei metodi più positivi per risolvere i conflitti.

evitare

Questo tende ad essere il modo meno produttivo di affrontare il conflitto. L'evitamento come strategia di risoluzione dei conflitti comporta il ritiro dalla situazione ed è spesso scelto dagli individui quando il disagio e la seccatura del confronto superano la potenziale ricompensa della risoluzione.

Anche se a volte può essere utile non insorgere in ogni conflitto - poiché molti si risolveranno da soli e altri sono troppo meschini per giustificare un coinvolgimento - evitare conflitti seri causerà più problemi a lungo termine.

Accomodante

L'accomodamento è una strategia cooperativa definita da una parte che si arrende ai desideri dell'altra, spesso a proprie spese. A volte, vedrai questo come una graziosa accettazione di azioni sbagliate, in cui un individuo accoglierà l'altra parte nel conflitto quando si renderà conto di essere lui stesso il problema. Tuttavia, avvicinati a questo metodo con cautela.

Alcuni individui soddisferanno i bisogni degli altri e non lasceranno spazio ai propri desideri a causa della mancanza di fiducia o autostima. Osserva attentamente la situazione e, se pensi che ciò possa essere accaduto, incoraggia invece una risoluzione più compromettente.

Ecco la linea di fondo: il fatto che tu stia leggendo questo articolo significa che stai già ottenendo ciò di cui hai bisogno: aiuto! A volte occorrono strategie e tattiche diverse per risolvere situazioni professionali difficili. Inizia con questo articolo. Se hai bisogno di più aiuto, vai da un leader di cui ti fidi per ottenere un alleato.

Potresti anche usare questi articoli utili: